mercoledì 11 gennaio 2017

La pagnotta di Johanneta Cauda

Ci fu un tempo in cui la notte avvampò delle luci di innumerevoli roghi. Ci fu un tempo in cui povere anime salirono al cielo, strappate del loro corpo e private delle loro ali, tra lacrime e fiamme; in cui l'innocenza fu tradita in nome della prepotenza e la bellezza fu additata come arma del demonio.
Ci fu un tempo in cui il vento disperse lontano il dolore, la paura, la fine di un incubo voluto dall'ignoranza, nella danza silente di pulviscoli di cenere rossi come il sangue. 
Ci fu un tempo in cui l'ipocrisia chiamò il peccato 'donna' e la donna fu chiamata 'strega'; in cui l'autentica colpa si cammuffò da giustizia e assassinò la purezza. 
Quel tempo semplicemente non fu: è ancora. E la notte non cessa di avvampare degli eterni roghi della barbarie. 

Johanneta quella barbarie la conobbe, una lontana notte di agosto dell'anno 1428. Il cielo piangeva stelle, mentre lei piangeva dolore. La luce cerulea della luna accarezzò per l'ultima volta il suo viso ormai spento, allungando le sue braccia materne al di là di una piccola feritoia ricavata all'interno di un muro possente del maniero di Cly.
<Verrai via con me> le sussurrava silente, illuminando i suoi capelli folti e crespi di una decisa luce argentata <Manca poco, verrai via con me>.
E la donna attendeva la liberazione della morte per la sola colpa che aveva avuto di vivere.
Là fuori il vento strillava rabbioso tra le vette, testimone dell'ingiustizia umana; urlava scuotendo le cime dei pini, facendo fuggire persino le nuvole in cielo. Gridava con la voce che Johanneta aveva perduto, privata dell'aria che ossigenava i polmoni e che un tempo aveva il profumo della sua libertà.
Le sue labbra crepate dalla sete erano sepolcri non meno delle segrete che l'avevano ospitata fino a quel momento, gelide e umide fino a far marcire le ossa, le stesse che Johanneta non riusciva più a sentire. Le lacerazioni attorno alle caviglie, strette da vecchie catene, avevano smesso di bruciare; le ferite sulla schiena ormai non la tormentavano più: il sangue colava fino a rapprendersi sul suo liso camice di lino, ma la sua pelle era ormai anestetizzata. La chiamavano strega e non ci fu un solo giorno di prigionia in cui non avrebbe voluto esserlo davvero, perchè una fattucchiera avrebbe certo saputo fuggire, avrebbe sanato le sue ferite e punito i colpevoli di quell'atroce giudizio. 
Eppure, di fronte alla crudeltà dell'uomo che godeva nel torturarla come fosse il capro espiatorio dei suoi più infimi peccati, Johanneta immaginò che non avrebbe comunque avuto scampo: fu accusata solo d'esser 'donna', non importa quale termine o pretesto avrebbero scelto per giustificare la loro perversione. Ma ora doveva solo resistere ancora un poco. Era quasi finita e stremata si affidò alle carezze della luna, mentre con l'esile mano recuperò tremante una piccola fiala da sotto il grezzo giaciglio di sterpi. Quello, l'aveva giurato, sarebbe stato l'ultimo gesto di compassione verso se stessa; sarebbe stato quel tragico ed estremo atto d'amore verso un'anima di cui nessuno aveva avuto rispetto, né pietà. Sarebbe stato un atto di forza, non più di sottomissione: perchè Johanneta andò incontro al suo destino a testa alta, distrutta dal dolore ma ancora viva. Avrebbe abbracciato la silente luna con coraggio, dimostrando di essere sopravvissuta alla meschinità senza chiedere clemenza; avrebbe raggiunto il cielo tra le fiamme in completa compostezza e dignità: quella dignità, propria di ogni donna, che un uomo può ferire, sporcare o ledere, ma mai uccidere. 
E quella notte d'estate bevve l'ultimo dono che le fece la terra, avvelenando dolcemente d'amore il suo cuore, fino a stordirla. 
Johanneta potè solo sentire in lontananza i passi dei persecutori avvicinarsi, rimbombando tra i corridoi delle prigioni; potè solo scorgere vagamente le luci delle torce che le avrebbero dato il riposo eterno. L'11 agosto dell'anno 1428, dopo settantuno giorni di atrocità, fu bruciata sul rogo nel borgo di Chambave: dopo l'esecuzione di Johanneta ne seguirono altre, e altre ancora. Molte ingiustizie vennero perpetrate ai danni di giovani e anziane innocenti. Sopra quelle pire non moriva solo una donna: ad ogni rogo morivano tutte le donne...

Il tempo è passato ma le streghe continuano a bruciare, tra i roghi di un'ignoranza umana che non conosce confini né redenzione. Ancora oggi, con la morte di ogni donna offesa e torturata dalla prepotenza e dall'egoismo, muore con ciascuna di essa un milione di altre donne. 
Ma ciò che i persecutori non sapevano, in passato come nel presente, è che la maledizione più grande non era quella che le presunte streghe esercitavano sugli uomini: era quella che gli uomini stessi attiravano a sé, condannando la loro anima per sempre. Ciò che gli inquisitori non sapevano era che il demonio non era nell'innocenza che davano brutalmente alle fiamme, invasati da chissà quale perversione, ma era quella che abitava nel loro cuore di pece. E non c'è pece che non bruci con la giusta punizione, se non al cospetto della giustizia umana, almeno di fronte a quella divina. 

Johanneta Cauda non fu un'invenzione, ma fu una donna coraggiosa realmente esistita. Una donna a cui oggi voglio dare tributo e onori, un'anima che ora brilla tra le stelle e aleggia ancora tra le mura del maniero di Cly, a pochi chilometri da Aosta. Lei vi aspetta, attende ciascuna donna che voglia percepire la sua presenza tra le poche mura rimaste del castello. Tra i sibili acuti del vento, in un silenzio quasi assordante, vi ricorderà che nessun demone ha il diritto di cancellare la vostra anima distruggendo chi siete: nessuno dovrà bruciare la vostra carne, maledire la vostra vita. 
Johanneta vi ricorderà che la vostra dignità di donna non ha prezzo, che dovete camminare a testa alta e combattere i soprusi con tutte le vostre forze. Perchè noi, noi donne, siamo 'streghe' con orgoglio. 








Vi invito tra le pagine del nuovo Taste&More, il primo di questo nuovo anno, per conoscere una ricetta che mi è molto cara. Un pane rustico, aromatico, profumato di frutta secca, mele, uvetta e grappa. Una pagnotta che ho dedicato alla cara Johanneta Cauda, con quell'amore che lei sa. 



A presto con nuovi racconti, amiche e amici. Nella mia ricerca di quiete, qualcosa il mio cuore lo sta sussurrando.
Intanto vi abbraccio con affetto.